L’eccezionale tour di giornalisti internazionali

pubblicata il 30.05.2018
Cinque giorni di emozioni e gusto per gli 8 giornalisti internazionali del vino del Circle of Wine Writers che hanno partecipato all’educational organizzato da Marchet, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Ancona in collaborazione con la Camera di Commercio di Fermo.

Il primo riscontro alla fine del tour professionale, è arrivato da Stephen Quinn UK “Quello di questi giorni è stato uno dei migliori viaggi dedicati al vino, fatto nella mia carriera. Sto già scrivendo l’articolo per la mia rubrica sul vino, con rammarico purtroppo ho uno spazio di sole 1.000 parole che non basteranno a raccontare i vini delle Marche e i voli delle rondini che al tramonto sorvolano i paesaggi collinari. Questi cinque giorni per me sono stati eccezionali”.

Quello che scrive è Stephen Quinn, uno dei giornalisti che dal 23 al 27 maggio ha visitato le Marche alla scoperta di aziende vitivinicole e dei territori dove nascono le eccellenze enologiche regionali. Ha fatto il tour in buona compagnia: con il gruppo degli iscritti al Circle of Wine Writers, l’associazione londinese fondata nel 1960 con sede nel Regno Unito che conta 270 membri in tutto il mondo ed è composta da autori, scrittori, giornalisti, blogger, fotografi e docenti, con l’obiettivo di migliorare gli standard della comunicazione relativa al vino, contribuendo ad aumentarne la conoscenza e la cultura e a rafforzarne la promozione estera.

I giornalisti hanno partecipato ad un ricco programma con visite e degustazioni professionali, le cui tappe sono state funzionali alla presentazione dei prodotti enologici delle Marche e ad uno studio approfondito di tutte le loro caratteristiche, così da poter ricevere tutte le informazioni per narrare i vini: visite in cantina, visite in campo e degustazioni guidate dei prodotti. Le degustazioni sono state associate ad un viaggio esperienziale tra cibo, paesaggi ed emozioni, dove sono emerse con evidenza l’energia e la passione che i produttori locali mettono nelle produzioni dei vini marchigiani.

Durante il tour sono state degustate più di 100 etichette dal verdicchio di Jesi a quello di Matelica, dal rosso Conero al rosso Piceno, dalla lacrima di Morro d’Alba, dal pecorino alla passerina. Il verdicchio è stato il vino che ha veramente stupito per l’incredibile capacità di invecchiamento, tanto che è stata degustata tra le altre una bottiglia invecchiata 30 anni dove il gusto è risultato eccezionale. In questo incoming la partecipazione delle imprese è stata molto attiva, hanno riconosciuto il valore dei giornalisti e non solo hanno aperto le lor cantina, ma stappato anche le migliori bottiglie.

“ La forza di questa iniziativa – racconta Gordana Gnesutta, direttore dell’Azienda Speciale Marchet – è stato mettere produttori e giornalisti internazionali di fronte, permettendo a chi vive il vino in ogni passaggio, dalla vigna alla bottiglia, di raccontarsi. I giornalisti sono stati talmente coinvolti nel tour, che si sentono investiti della responsabilità di rappresentare al meglio i vini marchigiani, in qualità di loro ambasciatori”.

I giornalisti sono rimasti senza fiato alla vista delle vigne con vista sul mare e dei vini estremamente piacevoli: sono rimasti incantati dalla visita al borgo di Petritoli che domina la verde e fertile vallata dell’Aso, ricca terra collinare con vigne, olivi, gelsi, dove la stupenda vista spazia dai Monti Sibillini alla costa adriatica.

Servizio giornalistico realizzato da Tg3 Marche

Speciale redazionale realizzato da ETv

Servizio giornalistico redazionale realizzato da Tv Centro Marche